Lega Pro, gara per gara l'undicesima giornata

 di Francesco Massei Twitter:   articolo letto 48 volte
Lega Pro, gara per gara l'undicesima giornata

Livorno - Undicesimo turno di Lega Pro pronto ad iniziare. Come ormai da consuetudine, andiamo ad analizzare nel dettaglio tutti i dieci incontri in programma, i quali verranno disputati domenica, tra le 14.30 e le 18.30, con l’unica eccezione di Pontedera-Tuttocuoio, che verrà giocata lunedì sera alle 20.45.

Como (18) – Olbia (11): sfida in ottica play-off al Senigallia, dove i lombardi, che vengono da ben cinque risultati utili consecutivi (quattro vittorie ed un pareggio), ricevono la visita dell’Olbia. I “bianchi” invece sembrano non essere più quella squadra che a fine settembre aveva sconfitto in casa il Livorno, e stanno tornando domenica dopo domenica, sempre più giù in classifica: sardi che dunque, dopo le sconfitte con Alessandria e Cremonese, cercano il rilancio contro un Como, sempre più involtato verso la vetta della classifica.

Cremonese (23) – Pistoiese (9): esame sulla carta tutt’altro che probante per la vice capolista Cremonese, impegnata tra le mura amiche contro la Pistoiese. Scappini e co, sono a cinque punti di distanza dalla prima posizione ormai da quattro giornate, ma ogni occasione potrebbe essere buona per cercare di ridurre il distacco se l’Alessandria dovesse fallire anche una sola partita: di fronte però c’è una Pistoiese, che viene da un incoraggiante pareggio con il Como, ma ciò nonostante, che ha comunque un disperato bisogno di punti per uscire dalla zona play-out.

Giana Erminio (13) – Racing Roma (6): obiettivo rilancio per Giana Erminio e Racing Roma, che domenica si affrontano in quel di Racing Roma. Milanesi, che dopo una partenza sprint, hanno rallentato la marcia e non trovando la vittoria da circa un mese ( 1 a 0 al Tuttocuoio), hanno dovuto momentaneamente dire addio alla zona promozione precedente raggiunto. Discorso simile ma in circostanze totalmente diverse per il Racing Roma, che invece deve lasciare al più presto i bassifondi della classifica. Per farlo, è necessaria la prima vittoria stagionale, che darebbe sicuramente più fiducia alla squadra romana.

Prato (5) – Lupa Roma (7): al “Lungobisenzio” va in scena la classica sfida che non vale tre punti, ma sei. I lanieri infatti, fanalini di coda con quattro punti di distacco dalla salvezza, ospitano la Lupa Roma, altra formazione immischiata nella lotta per rimanere in terza serie. Una vittoria degli ospiti complicherebbe tremendamente la vita a Tavano e co, e quindi è lecito aspettarsi una sfida che potrà rivelarsi una delle più elettrizzanti dell’intera domenica.

Viterbese (19) – Livorno (15): momento veramente difficile per il Livorno, che va a giocare in uno dei campi più difficili dell’intera Lega Pro, ovvero quello di Viterbo. La Viterbese neopromossa, terza in classifica, arriva dalla prima sconfitta stagionale, e per questo c’è tanta curiosità nel capire come i laziali reagiranno. Per gli amaranto invece, come da ormai tre/quattro partite, conta esclusivamente vincere per non perdere ulteriormente distacco dalle zone importanti della classifica. Inoltre, il match con la Viterbese potrebbe rivelarsi decisivo anche per il futuro di Foscarini, che in caso di sconfitta, potrebbe essere esonerato.

Arezzo (18) – Renate (17): match che si preannuncia davvero interessante, quello in programma domenica alle ore 16.30 al Comunale di Arezzo, quando i locali ospiteranno il Renate. Gli uomini di Sottili vogliono continuare la striscia di risultati utili consecutivi iniziata dopo la sconfitta di Cremona, mentre i lombardi, attualmente in piena zona play-off, potrebbe accontentarsi anche di un pareggio, che gli terrebbe in corsa appunto per la promozione.

Alessandria (28) – Siena (13): Continuerà a non sbagliare l’Alessandria? E’la domanda che tutti gli addetti ai lavori si fanno, ogni qualvolta scende in campo la Lega Pro, e di conseguenza la squadra piemontese, capolista assoluta del girone A con 28 punti, frutto di nove vittorie ed un pareggio. Stavolta in Piemonte, arriva la Robur Siena, squadra che due settimane fa aveva sconfitto il Livorno all’Artemio Franchi, ma che viene da una successiva sconfitta ancora in casa contro il Piacenza; mister Colella, chiede dunque ai suoi uno sforzo per cercare di stare stabilità e continuità alle prestazioni, ma soprattutto ai risultati.

Carrarese (11) – Piacenza (19): vincere per sognare. Questo l’imperativo di Carrarese e Piacenza, in vista dell’incontro di domenica che le metterà di fronte allo Stadio dei Marmi: apuani che con una vittoria potrebbero raggiungere una posizione insperata, quella del decimo posto e quindi piena zona play-off. Emiliani invece, che sono reduci da un mese ricco di soddisfazioni e di vittorie importanti, che gli hanno permesso di arrivare fino alla quarta posizione. Piacenza, che nonostante sia neopromossa, non sembra darsi limiti e che quindi scenderà in campo a Carrara con l’obbiettivo “vittoria”.

Pro Piacenza (9) – Lucchese (13): reduci entrambe da due fondamentali vittorie, a Piacenza, si affrontano la Pro e la Lucchese. Padroni di casa, che grazie alla vittoria casalinga contro la Viterbese, hanno ripreso fiducia ma soprattutto sono usciti dalla zona play-out, dove erano finiti dopo tre sconfitte consecutive. La Pantera rossonera invece, è nel pieno del suo momento migliore di questa stagione: nelle ultime cinque partite, tre vittorie, un pareggio ed una sconfitta. Rendimento, che ha permesso agli uomini di Galderisi di raggiungere una buonissima nona posizione a due punti dal Livorno.

Pontedera (7) – Tuttocuoio (10): che Hallowen in provincia di Pisa! Al Manucci infatti, la sera del 31, andrà in scena l’attesissimo derby tra Pontedera e Tuttocuoio, il cui esito mai come quest’anno, potrebbe rivelarsi fondamentale. La truppa granata infatti, ha totalizzato solamente sette punti, e per questo si trova in terzultima posizione, ed ha dunque un clamoroso bisogno di punti. Tuttocuoio che invece si trova a metà classifica, e che vuole regalare ai propri tifosi la gioia di vincere un derby, magari approfittando della difficile situazione del Pontedera.