L'Avellino ricorre al Tar per tentare di non perdere la B

31.07.2018 17:35 di Ercole De Santi  articolo letto 326 volte
© foto di Giorgia Baldinacci
L'Avellino ricorre al Tar per tentare di non perdere la B

Livorno - Il ricorso all'Alta Corte del Coni non è stato accolto ed anche l'Avellino, dopo Bari e Cesena, è stato dunque escluso dalla Serie B, All'avvocato Edoardo Chiacchio, legale della società Avellino, l'impresa di ribaltare il parere negativo della Covisoc e l'esclusione della Corte federale non è riuscita. La Corte del Coni ha confermato quanto già deliberato dal Consiglio federale della Figc. Estremamente deluso è apparso il presidente degli irpini, Walter Taccone, tanto più alla luce delle motivazioni della sentenza di esclusione della società, che secondo quanto si apprende sembra che vadano ricercate nel fatto che il club, pur avendo i requisiti per la partecipazione al campionato di Serie B, non ha impugnato il provvedimento di esclusione nei termini previsti dai regolamenti calcistici Circa mille erano i tifosi dell'Avellino presenti nel pomeriggio di oggi, martedì 31 luglio, fuori dal palazzo del Coni a Roma.

L'avvocato Chiacchio sostiene che vi sono spazi per il ricorso alla giustizia ordinaria ed afferma che l'Avellino farà ricorso al Tar, il tribunale amministrativo, per vedere annullata, in sede amministrativa, la sentenza del Coni. Il ricorso sarà presentato al Tar entro stasera o al massimo domani. Già venerdì o al massimo lunedì 6 agosto il Tar dovrebbe esprimersi sulla sospensiva del provvedimento.